Pubblicazioni

Il Nodo di Gordio

Oltre Lepanto

Festival della sicurezza

Festival della Sicurezza

Pergine Valsugana 17/18/19
Settembre 2010

OSCE

ORSAM


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Rassegna stampa
Trasmissioni dal Faro - 6 gennaio 2013 / A.M.Farabbi: Francesco Roat sulle tracce di Robert Walser PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Domenica 06 Gennaio 2013 08:54

Fonte: Cartesensibili.wordpress.com

Non sempre, la qualità dell’opera coincide con la qualità della persona che l’ha creata. Insisto, come gesto spirituale, politico, sociale, prima ancora che letterario, nel proporre luce su individualità che testimoniano interezza tra il fare intellettuale e artistico e la propria interiorità. Attraverso questa intervista, incontriamo parole asciutte, limpide, di una serenità piena che non conosce ostentazione né febbre autoreferenziale: la voce di Francesco Roat sparge l’eccellenza di Walser con sentimento e colta proprietà. Colgo ancora un’occasione, dopo altre in passato, per approfondire l’officina scrittoria di Roat, nella sua lunga e riconosciuta tessitura narrativa e saggistica, mentre nelle sue risposte si apre lo straordinario paesaggio della personalità e dell’opera di Robert Walser.
Ancora una volta una piccola case editrice, come Vox Populi, malgrado ogni sofferenza economica e scarsa distribuzione, riesce a far nascere un segno importante.
Ancora una volta, io lettrice, ringrazio la generosità di uno scrittore intenso e rigoroso, come Francesco Roat, che dona il proprio ricco contributo alla piccola editoria.

. INTERVISTA .

1) Quando e perché è nato il tuo desiderio di scegliere l’opera di Robert Walser per farne oggetto di studio, in un lavoro poi che ti ha impegnato così tanto?

Come sempre –­­­ per quel che mi riguarda, quantomeno,­ s’è trattato di un innamoramento. In modo simile al mio saggio precedente su Rilke e le sue splendide “Elegie Duinesi”, ciò che mi ha spinto a scrivere su Walser proviene da un’attrazione fatale nei confronti dei suoi testi. Insomma, mi sono imbattuto in primo luogo nei romanzi della cosiddetta trilogia berlinese e poi nelle sue poesie (non dimentichiamoci, infatti, che questo autore era anche un poeta, un vero poeta) ed è stato un colpo di fulmine. Perciò invito senz’altro i lettori che ancora non conoscano questo grande scrittore di lingua tedesca a prendere in mano un qualunque libro di Walser; credo non ne saranno delusi. Robert, infine, oltre che profondo per quanto concerne l’ambito spirituale, è un affascinante fabulatore. La sua prosa è lieve ma al contempo intensa; chiarissima ma densa di riflessioni; poeticissima infine per la magia di immagini e metafore. Provare per credere.

Leggi tutto...
 
L'Adige - 27 dicembre 2012 / Passato e presente, undici artisti per la città PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 27 Dicembre 2012 11:11

 
Il Trentino - 27 dicembre 2012 / "Pergine immagina" mostra un territorio per l'arte. Collettiva. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 27 Dicembre 2012 11:10

 
L'Adige - 9 dicembre 2012 / Tra il grigiume della politica e lo splendore dell'arte PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Domenica 09 Dicembre 2012 11:08

 
Il Trentino - 7 dicembre 2012 / Visintainer, premio in Kazakistan PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 07 Dicembre 2012 11:09

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Il Grigiocrate

Notizie flash

(ANSA) - ASTANA, 9 SET - Tremila uomini degli eserciti di Russia, Cina, Kazakhstan, Kirghizistan e Tagikistan sono riuniti da oggi ad Almaty per un'esercitazione antiterrorismo. Lo riferisce l'agenzia Itar-Tass.

E' l'edizione 2010, la settima dalla fondazione della Sco (Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai), di "Missione di Pace", nome in codice per le manovre militari congiunte tra i sei paesi membri dell'organizzazione (ne fa parte anche l'Uzbekistan).

Nata nel 2001 sotto l'egida di Mosca e soprannominata "Nato d'Asia", la Sco nasce per controbilanciare l'Alleanza atlantica e l'influenza occidentale e Usa in Centrasia. Una presenza ingombrante per Mosca ma anche per Pechino: Washington ha un crescente interesse per la regione, strategica via di transito verso l'Afghanistan; oggi vi è presente militarmente con un'unica base, quella di Manas in Kirghizistan (dopo la cacciata dall'Uzbekistan nel 2005), ma progetta di raddoppiare con un centro antiterrorismo nei pressi di Osh, e costruire un'altra base in Tagikistan.

Astana, che a giugno scorso ha assunto la presidenza della Sco, partecipa alle manovre con circa mille uomini; altrettanti da Mosca e Pechino, più blindati, aerei, elicotteri e mezzi di terra. Il culmine il 24 settembre al centro di addestramento di Matybulak, nella regione di Zhambyl.

I nostri Social Network



Contatore

Utenti : 27
Contenuti : 579
Link web : 6
Tot. visite contenuti : 1438710