Pubblicazioni

Il Nodo di Gordio

Oltre Lepanto

Festival della sicurezza

Festival della Sicurezza

Pergine Valsugana 17/18/19
Settembre 2010

OSCE

ORSAM


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Presentazione: Oltrelepanto - Gli atti del convegno PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 12 Marzo 2012 11:04

[Introduzione]
Oltre Lepanto
Un progetto senza confini per un Mediterraneo senza confini


Il progetto “Oltre Lepanto” è nato dall’idea di promuovere, a 440 anni dalla Battaglia di Lepanto, un importante momento di pacificazione e confronto internazionale, facendo incontrare e collaborare le massime autorità culturali, istituzionali e militari, dei Paesi coinvolti nello storico evento bellico.

Una serie di eventi e manifestazioni che da Istanbul a Trento, da Ankara a Venezia, hanno celebrato la ricorrenza della storica battaglia nei mari dell'Egeo del 1571 che vide contrapposti l'Occidente cristiano all’Islam dell'Impero Ottomano. Un progetto che il Centro Studi "Vox Populi" di Pergine Valsugana (TN) in collaborazione con il think-tank “Il Nodo di Gordio” ha promosso e coordinato realizzando convegni internazionali, tavole rotonde, mostre e concerti. Un ponte tra Oriente e Occidente, tra la Sublime Porta e quel che resta dell’Europa, afflitta da una crisi che, più che finanziaria, è di identità.

Studiosi ed esperti di chiara fama sia in campo storico-artistico sia in ambito geopolitico, turchi e italiani, si sono incontrati a più riprese nel corso del 2011 per portare un qualificato contributo di studi, pubblicazioni, elaborazioni e spettacoli teatrali, volti a celebrare questa ricorrenza, all’insegna della cooperazione internazionale e del superamento di antichi steccati.


“Dallo scontro di ieri all’intesa di oggi” è il sottotitolo del progetto “Oltre Lepanto”, che ha inaugurato l’apertura al pubblico della mostra “Il taccuino turco del viandante tra due mondi”, esposizione dei disegni dell’artist altoatesino Othmar Winkler, realizzati durante il suo viaggio in Turchia nel 1978, un incontro tra il mito nordico e quello ottomano.

E ancora: “Mediterraneo - Continente Liquido e Geopolitica dello Spazio”, VIII edizione del workshop di geopolitica ed economia internazionale organizzato da “Vox Populi”. Una tre giorni dedicata all’approfondimento e al dialogo italo-turco, sviluppatosi anche grazie alla pubblicazione della monografia “La profondità strategica turca nel pensiero di Ahmet Davutoğlu”, opera collettanea dedicata alle analisi geopolitiche del Ministro degli Esteri del governo guidato da Recep Tayyip Erdoğan.

Un’occasione per tracciare le dinamiche geopolitiche che hanno interessato nel corso dei secoli il Mediterraneo, in grado di consentire una riflessione di più vasto raggio sulla necessità di ripensare il modello di convivenza dei Paesi che si affacciano su quello che Fernand Braudel definì “il continente liquido”. Un’attenta analisi degli scenari di cooperazione tra i Paesi del Mediterraneo con particolare riguardo al crescente ruolo della Turchia come attore globale e alle prospettive della penisola italiana come mediatore delle frizioni politiche e militari anche grazie allo sviluppo di relazioni economiche e commerciali con il Medioriente e gli Stati dirimpettai della fascia nordafricana.

Le iniziative che hanno caratterizzato la “lunga marcia” di Oltre Lepanto, dopo i viaggi e i qualificati incontri in Turchia, hanno trovato conclusione in Italia, l’11 e 12 novembre 2011.
A Venezia, l’Istituto di Studi Militari Marittimi, ha ospitato un convegno internazionale di studi geopolitici dedicato alle relazioni diplomatiche e ai rapporti economici tra Italia e Turchia di fronte agli Ufficiali frequentatori del 57° corso Normale di Stato Maggiore.
Al termine delle relazioni si è tenuta una cerimonia commemorativa in ricordo di tutti i caduti con la deposizione di una corona nella darsena dell’Arsenale, alla presenza delle autorità civili e militari dei Paesi che parteciparono alla battaglia di Lepanto.
A Pergine Valsugana, invece, la messa in scena dello spettacolo “La Magnifica Intrapresa. Galeas per montes conducendo”. Scritta e narrata da Paolo Domenico Malvinni, interpretata da Giorgia Antonelli e Titino Carrara, con l’accompagnamento del gruppo musicale Calicanto, “La Magnifica Intrapresa” racconta degli anni 1438-39, quando la Repubblica di Venezia, in guerra con i Visconti di Milano, intende conquistare il lago di Garda, fondamentale per il dominio del territorio e via strategica per portare soccorso alla fedele città di Brescia, assediata dai milanesi.

Ogni passaggio è precluso per raggiungere il lago con una flotta, dunque Venezia, arditamente, sceglie un’altra strada, quella delle montagne. Un’occasione, dunque, per rievocare una vicenda storica avvenuta tra l’Adige e la sponda trentina del Garda quando questo fiume e questo lago detenevano una straordinaria importanza strategica, commerciale e militare. Il ricordo di un evento che, peraltro, rappresentò il precedente storico al quale si ispirò la flotta ottomana per l’assedio di Bisanzio.

E, infine, a Trento, presso il Castello del Buonconsiglio si è tenuto il convegno storico “Lepanto: la battaglia dei tre Imperi”, un intenso confronto tra illustri storici ed esperti delle tecniche e degli armamenti utilizzati dai due schieramenti nelle acque, teatro del conflitto navale.
Giornate indimenticabili, magicamente concluse sulle note dell’Ensemble Marâghî (sâzende) con il concerto “Echi dalla corte ottomana”. Echi che dalle Alpi giungono a sfiorare le onde del mare, raccontandoci la storia di Oltre Lepanto: la storia di un progetto senza confini per un Mediterraneo senza confini.

Dall’introduzione di Daniele Lazzeri
Chairman Think-tank “Il Nodo di Gordio”

[Indice]
PREFAZIONE
di Gianpaolo Scarante
Ambasciatore della Repubblica Italiana a Ankara

PREFAZIONE
di Franco Panizza
Assessore alla Cultura, Rapporti europei e Cooperazione della Provincia autonoma di Trento

OLTRE LEPANTO. UN PROGETTO SENZA CONFINI PER UN MEDITERRANEO SENZA CONFINI
di Daniele Lazzeri
Chairman Think-tank “Il Nodo di Gordio”

SEZIONE GEOPOLITICA

OLTRELEPANTO - INTERVENTO DI APERTURA
del Contrammiraglio Maurizio Ertreo
Comandante dell’Istituto di Studi Militari Marittimi

L'OSCE NEL MEDITERRANEO
di Riccardo Migliori
Vice Presidente dell’Assemblea Parlamentare dell’OSCE

LA TURCHIA SUI MEDIA ITALIANI DAL 2000 AD OGGI
di Marco Ferrazzoli
Capo Ufficio Stampa CNR

ITALIA-TURCHIA: PARTNER O CONCORRENTI?
di Augusto Grandi
Giornalista economico de “Il Sole 24 Ore”

TÜRKİYE VE İTALYA: TARİH VE PERSPEKTİFLER
TURCHIA E ITALIA: STORIA E PROSPETTIVE

di Toğrul İsmayil
Docente di Geopolitica eurasiatica e relazioni internazionali

YÜZYILDA TÜRKİYE-İTALYA İLİŞKİLERİ
LE RELAZIONI TURCO-ITALIANE NEL XXI SECOLO

di Hasan Kanbolat
Direttore del think tank turco ORSAM

LE VIE VERSO BISANZIO. RAGIONI GEOPOLITICHE DI UN’INTESA FRA ROMA ED ANKARA
di Andrea Marcigliano
Scrittore e saggista di geopolitica

ROMANI, TURCHI E IL MITO DEL LUPO. EREDI ED EPIGONI DEL MARE NOSTRUM
di Ermanno Visintainer
Turcologo, Presidente del Centro Studi “Vox Populi”

SEZIONE STORICA

MEDITERRANEO. RUOLO STORICO E DINAMICA GEOSTORICA
di Franco Cardini
Docente di Storia Medievale all’Università di Firenze

NASCITA E RIFLESSIONI SU UN GRANDE PROGETTO
di Giorgio Martini
Storico militare e Presidente Gruppo ANMI di Trento

LEPANTO 2011: LO STATO DELLA RICERCA
di Niccolò Capponi
Visiting professor presso l’Università dell’Iowa

LE GALEAZZE A LEPANTO
di Marco Morin
Fondazione Civiltà Bresciana – Forensic Science Society di Harrogate

ARTIGLIERIE NAVALI VENEZIANE AL TEMPO DELLA BATTAGLIA DI LEPANTO
di Carlo Beltrame
Docente di Archeologia marittima presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia

IL CONCORSO  GENOVESE,  IN  GALEE  E  ARTIGLIERIE,  ALLA VITTORIA DI LEPANTO
di Renato Gianni Ridella
Archeologo, docente a contratto e collaboratore dell’Istituto di Storia dell’Europa Mediterrannea

ARMAMENTI E VETTOVAGLIAMENTI PER LA FLOTTA DELLA “SANTA LEGA” A MESSINA, PRIMA E DOPO LEPANTO
di Antonino Palazzolo
Ricercatore indipendente di artiglierie e fortificazioni

RAPPORTI FRA LA SERENISSIMA E LA SUBLIME PORTA FRA IL XVI E XVIII SECOLO
di Kudret Altun
Docente di Letteratura ottomana presso l’Università di Kayseri

LEPANTO COME PUNTO DI ROTTURA TRA LA SUBLIME PORTA E LA REPUBBLICA
di Özlem Kumrular
Docente di storia ottomana Università di Istanbul

TRA LE IPERBOLI E L’EQUILIBRIO: LE PACATE CONSIDERAZIONI OTTOMANE E VENETE A RIDOSSO DI LEPANTO
di Giampiero Bellingeri
Docente di Lingua e Letteratura Turca all’Università Ca’ Foscari di Venezia

CERVANTES "CRONISTA" DI LEPANTO. UNA DIVAGAZIONE "LETTERARIA" AI MARGINI DELLA STORIA
di Andrea Marcigliano
Scrittore e saggista di geopolitica

LA “BATTAGLIA DI LEPANTO” E L'ARTE TRIDENTINA
di Paolo Zammatteo
Docente di storia dell’arte, architetto

POSTFAZIONE
di Iskender Pala

[Documenti]
Il sito del progetto
Il video dell'edizione 2011

Ultimo aggiornamento Martedì 13 Marzo 2012 09:46
 

Il Grigiocrate

Notizie flash

N. Mönkhtör, giornalista mongolo intervista il regista yakuto Andrej Sakhavič Borisov sul nuovo film su Genghis Khan che uscirà prossimamente sugli schermi. Il regista si propone di evidenziare, soprattutto, la funzione del sovrano mongolo di artefice di una pax imperialis e l’avversione per ogni dogmatismo. Oltre che la sua abilità di grande stratega.

Leggi tutto...

I nostri Social Network



Contatore

Utenti : 73
Contenuti : 579
Link web : 6
Tot. visite contenuti : 1465261